Correggere la presbiopia con le lenti a contatto

Cos’è la presbiobia? Se hai più di 40 anni e inizi ad avere difficoltà a leggere un giornale e a mettere a fuoco gli oggetti a breve distanza, benvenuto nel mondo della presbiopia!

Si tratta di un disagio che coinvolge allo stesso modo uomini e donne, portatori di occhiali e non. Il nome deriva dal greco “presbys” che significa vecchio, e “opia” che indica l’occhio ed è tradotto con l’espressione “invecchiamento dell’occhio”. La presbiopia è un disturbo visivo che dipende dalla progressiva perdita di elasticità del cristallino, un organo situato all’interno del bulbo oculare che, assieme alla cornea, consente di mettere a fuoco i raggi luminosi sulla retina.

Sintomi della presbiopia

La presbiopia è dovuta al normale processo di invecchiamento del cristallino che, dopo i quarant’anni circa, tende a perdere la sua capacità di accomodazione. Questo meccanismo, attuato attraverso la variazione della curvatura della superficie del cristallino, consente all’occhio di mettere a fuoco sulla retina gli oggetti posti a distanze differenti. Ma con l’avanzare dell’età, il cristallino si irrigidisce fino a non riuscire più a curvarsi adeguatamente e penalizzando la vista da vicino.

I sintomi principali della presbiopia sono i frequenti mal di testa, l’affaticamento visivo, il rossore degli occhi, la difficoltà nel vedere da vicino e nel mettere a fuoco i dettagli.

La presbiopia comporta frequenti mal di testa.

Si tratta di un processo fisiologico legato all’età. Con il passare degli anni, si riesce sempre meno a svolgere tutte quelle attività come leggere, scrivere, cucire e lavorare al computer, che richiedono l’utilizzo della vista da vicino. Sorge quindi la necessità di una correzione del difetto per avere una visione nitida durante lo svolgimento di queste attività.

Cause della presbiopia

La presbiopia colpisce le persone di età superiore ai 40 anni. Si distingue dagli altri difetti della vista in quanto miopia, astigmatismo e ipermetropia dipendono dalla struttura del bulbo oculare, mentre la causa della presbiopia è fisiologica.

L’ accomodazione ossia la capacità dell’occhio di mettere a fuoco le immagini, si perde gradualmente e quindi con il trascorrere del tempo bisogna aumentare il potere delle lenti, generalmente fino ai 65 anni, periodo dopo il quale il difetto si stabilizza.

Correzione della presbiopia

E’ buona norma sottoporsi ad un controllo oculistico intorno ai 40 anni di età e soprattutto non rimandare la visita quando si è osservato un abbassamento o un cambiamento della vista. È possibile correggere la presbiopia innanzitutto con le lenti multifocali oppure con un trattamento laser o la chirurgia intraoculare.

Lenti a contatto per presbiopia

Le lenti a contatto multifocali correggono la presbiopia.

Le lenti a contatto multifocali (dette anche lenti progressive) correggono contemporaneamente miopia/ipermetropia e presbiopia, aiutandovi nella visione da vicino e da lontano. Oggi, le lenti a contatto sono più confortevoli rispetto a quelle di dieci anni fa, grazie a un nuovo materiale chiamato silicone idrogel, caratterizzato da un’elevata permeabilità all’ossigeno che vi consentirà di portare le lenti più a lungo.

Come per gli occhiali per presbiopia, anche con le lenti progressive è necessario individuare le condizioni di utilizzo e le abitudini del soggetto per scegliere tra le tipologie disponibili. Per questo, prima di acquistare le lenti a contatto, bisogna sempre e comunque consultarsi con il proprio oculista per valutare le diverse possibilità correttive e ricevere istruzioni su come utilizzarle correttamente.

Di seguito troverete delle comode e pratiche lenti a contatto multifocali online che Atelier Ottico ha selezionato per voi:

Hydro.O Multifocal 1 Day 

Lachrima 1 Multifocale (presbiopia)

Affinity Hydro Multifocal

Prolens Multifocal Air Green 

Potrebbero interessarti anche...